21/09/2022

Il linguaggio dei fiori

I fiori così come le piante, sono spesso usati durante il rito funebre non solo come  gesto che rende omaggio al defunto da parte delle persone più strette, ma sono volti ad esprimere un senso di vicinanza alla famiglia da parte di terzi, quando impossibilitati ad essere presenti. 

La scelta: qual è la più corretta?

La varietà di fiori da poter utilizzare sembrerebbe infinta e la scelta degli stessi risulta fondamentale. 

Nel caso in cui si fosse a conoscenza  delle preferenze della persona venuta a mancare, si può optare per ciò  che sapevamo essere di suo gradimento, in caso contrario essendo molteplici le tipologie di fiori  che sono ottimali a essere utilizzate è sempre bene informarsi  prima  di acquistare.

Vengono richiesti nel maggior parte dei casi crisantemi abbinati alle rose, in tutte le loro colorazioni, ma anche le eleganti orchidee, che al loro interno racchiudono il significato profondo “ti amerò per sempre”, gladioli e gigli bianchi.

Si consiglia quindi sempre di  farsi consigliare dal fioraio, non solo per scegliere dei fiori che siano di stagione, per una resa più duratura, ma sopratutto per trovare la soluzione che sia più adatta alla circostanza.

Il colori e il loro significato:

Ogni colore  è portatore di un significato profondo, e questo aspetto lo ritroviamo anche nei fiori, per tali ragioni in casi delicati come nel lutto è bene prestare attenzione a ciò che si sceglie.

In linea generale il rosso rimane il  più utilizzato, segnale di amore e legame profondo che  nella maggior parte dei casi viene abbinato al bianco,  il blu è usato solitamente  per gli uomini, il giallo per legami  d’ amicizia , il rosa in tutte le sue sfumature simbolo di delicatezza e grazia per le donne e il bianco per  giovani e bambini ad indicare purezza ed innocenza.

Chiaramente non vi sono regole scritte, per ciò che concerne la scelta del colore, così come per la tipologia di fiore o composizione.

Le famiglie devono quindi sentirsi libere di optare per quello che ritengono più consono per la persona amata, per tali ragioni in alcuni casi vengono espressamente richiesti fiori di tinte scure per le donne o accostamenti di colori accesi tra loro.

Le tipologie di composizione:

Le composizioni più importanti sono usualmente a carico di parenti e amici stretti e vengono posizionate direttamente sulla bara dall’impresa funebre, mentre per coloro che desiderano esprimere la propria vicinanza possono farlo attraverso, corone, cuscini e mazzi.

Le ciotole nelle loro varie forme, dal cuore alla classica forma circolare, sono adatte per composizioni in terra, mazzi e fasci risultano sempre delicati e adatti anche a luoghi dove non vi è molto spazio, e per finire le corone, che al contrario dei mazzi risultano maestose, vengono solitamente poste al di fuori del carro, quando esso è in movimento.

Questi ultimi sono i più comuni e come per i precedenti possono essere di grandezze differenti in base alla scelta dei fiori da utilizzare. Il mittente può decidere se farli consegnare in camera ardente o in chiesa il giorno in cui si svolgerà il funerale.

Alcuni semplici suggerimenti:

L’unico suggerimento che risulta sempre utile è quello di informarsi in precedenza se la famiglia del defunto ha piacere a ricevere fiori o se al contrario preferisce che la somma venga investita in una donazione, magari a delle associazioni a nome del defunto stesso. Questa piccola ma significante accortezza garantisce che il gesto venga davvero gradito.

 

San Michele di Ghione si affida alle mani esperte di un collaboratore, per realizzare composizioni floreali di ogni tipologia, dalle più semplici alle più ricercate, per soddisfare ogni desiderio.

Ultimo aggiornamento: